Le cronache degli organi di informazione sono state eclissate dal clamore degli oscar, ma domenica 29 febbraio, i lavoratori dei supermercati della California del Sud hanno votato a larga maggioranza , 86% , per sospendere il loro sciopero che durava da cinque mesi, accettando un contratto che equivale a una importante , se non totale, vittoria di una decisa offensiva padronale con implicazioni nazionali.

Nell’ottobre dello scorso anno , il 97% dei membri della United Food and Commercial Workers  (UFCW) della California meridionale e centrale votarono per scioperare contro Vons, una catena di supermercati di proprietà di Safeway, una catena nazionale. Il problema principale era costituito dal fatto che nel nuovo contratto Vons non voleva più pagare interamente  i contributi sanitari ai lavoratori , intendeva coprire solo il 50% dei costi sanitari. Voleva inoltre introdurre un sistema salariale che discriminava i nuovi assunti. Nel giro di poche ore altre due catene con contratti in discussione Albertson’s e Ralphs fecero una serrata di lori dipendenti. A partire dai primi di ottobre , 70,000 membri dell’UFCW erano in sciopero nella regione.

Lo sciopero iniziò con grande entusiasmo da parte dei lavoratori e con un livello sorprendentemente alto di sostegno popolare, al punto che i supermercati colpiti rimasero quasi vuoti finanche durante le vacanze di fine anno. Inoltre i lavoratori del trasporto pubblico di Los Angeles entrarono in sciopero nello stesso periodo, anche sul problema dei contributi sanitari, creando un’atmosfera da “ondata di scioperi ” come non si vedeva da decenni ( la loro vertenza fu sottoposta ad un arbitrato e così essi ritornarono a lavorare poco tempo dopo, nel momento in cui scrivo non è stato risolto nulla). I lettori stranieri dovrebbero capire che poiché gli Stati Uniti non hanno un sistema sanitario pubblico, i contributi sanitari sono spesso una delle parti più importanti dei compensi dei dipendenti. La paga media di un lavoratore dell’ UFCW della California del Sud è minore di $12 per ora, e molti lavoratori hanno garantite solo 24 ore di lavoro per settimana. Molti lavoratori mantengono il lavoro solo per i contributi sanitari.  L’unione internazionale degli stivatori e degli addetti ai depositi (ILWU), il sindacato dei portuali, mise in ginocchio il porto di Los Angeles in un sciopero di solidarietà di un giorno, poco dopo fece lo stesso ai vicini cantieri navali di San Pedro. I portuali contribuirono con $200,000 al fondo per lo sciopero ai supermercati Ralphs.

Tutti e tre i supermercati fanno parte di catene nazionali, a seguito della più grande fusione di punti vendita al dettaglio di alimentari degli ultimi 30 anni. I supermercati  sostenevano che avevano bisogno di sospendere l’erogazione dei contributi sanitari precedentemente concessi a causa dell’imminente concorrenza da parte di Wal-Mart, il gigante della vendita al dettaglio che sta pianificando di aprire 40 nuovi discount nella California del Sud nel giro di pochi anni.( Wal-Mart ha una pessima reputazione a causa dei bassi salari erogati e per l’assenza di contributi per i lavoratori) Ciascuno comprendeva che l’esito  dello sciopero avrebbe condizionato l’iniziativa di molti altri sindacati e lavoratori nella regione e a livello nazionale . ( C’è un numero crescente di dispute nei luoghi di lavoro proprio riguardo ai costi delle cure sanitarie ). Tuttavia, a dispetto dell’ampio sostegno da parte dei lavoratori, i sindacati hanno seguito le strategie legalitarie prive di prospettive che hanno portato a innumerevoli disfatte negli ultimi 25 anni. Il 31 ottobre, i  sindacati hanno tolto i picchetti da Ralphs come gesto di disponibilità per concentrarli  da Vons; i datori di lavoro  hanno immediatamente annunciato che avrebbero diviso profitti e perdite durante lo sciopero . Il sindacato arrivò al punto di esortare la gente a comprare da Ralphs, dove i suoi membri venivano sbattuti fuori. Benché le catene sono tutte di dimensioni nazionali, con vendite totali di 30 miliardi di dollari l’anno, i sindacati rifuggivano da ogni strategia su scala nazionale, inviando pochi “ picchetti informativi ” ai punti vendita della California del Nord e al di fuori dello stato. Lo scorso autunno, l’UFCW ha vinto uno sciopero simile da Kroger’s ( la catena che è proprietaria di Ralphs ) in West Virginia, Ohio e Kentucky. Il 24 novembre, l’UFCW fece estendere lo sciopero a dieci centri di distribuzione della California del Sud che rifornivano i supermercati, i Conducenti [ Teamsters ], la Fratellanza Internazionale dei Conducenti ( IBT) concessero che i loro 7,000 membri che consegnavano la merce a quei siti non avrebbero attraversato i picchetti. Ma la UFCW non fece nulla per fermare le migliaia di camion di crumiri che rifornivano i centri, il 19 dicembre i sindacati provarono a rimuovere i picchetti. Il 22 dicembre, al centro di distribuzione Vons di El Monte, membri dell’UFCW si rifiutarono di eliminare i picchetti che rimasero in piedi.  Da metà gennaio i picchetti sono stati rimessi ad alcuni siti Ralphs, ma la paga versata agli scioperanti ( dal sindacato ndt) è stata ridotta da $240 a $100 la settimana.

A metà dicembre, John Sweeney e RicH Trumpka, i due principali dirigenti del nuovo AFL-CIO, vennero a Los Angeles a incontrare i presidenti di 50 sezioni dell’UFCW per schierare in prima linea il prestigio nazionale del movimento operaio organizzato per vincere lo sciopero. Ci si potrebbe ben chiedere, al di là delle usuali accuse di tradimento da parte della sinistra , perché essi presero un rischio del genere dopo una lunga serie di sconfitte negli anni precedenti. ( I membri dei sindacati sotto la presidenza di Sweeney, da quando ha assunto l’incarico nel 1995, sono diminuiti dal 14% al 9% della forza lavoro degli Stati Uniti). La mia opinione è che nella loro limitatezza, con le loro timide strategie e tattiche, hanno sottostimato la determinazione e l’abilità delle tre catene di perdere milioni di dollari al fine di spezzare il potere dei sindacati.

I sindacati avevano avuto successo nel tenere sotto controllo la forza lavoro relativamente giovane e inesperta. Non sono stati tenuti incontri di massa per discutere le strategie dello sciopero, i membri del sindacato si sono sentiti generalmente privi di influenza sulla direzione dello sciopero. Ralphs è stata mantenuta aperta dai crumiri della famigerata Personnel Support  System Inc. , che fornisce ottusi lavoratori sostituti proprio per queste occasioni. Ma la UFCW è parsa determinata a seguire le strategie localistiche e legalitarie dei tanti scioperi persi degli anni precedenti, giammai capace di  ricorrere alle tattiche anticrumiri escogitate in primo luogo dai sindacati. I datori di lavoro affermarono che essi erano preparati a impiegare un  anno pur di sconfiggere l’UFCW, senza un cambiamento nella strategia di sciopero da parte dei lavoratori ci sono riusciti.

Cinquantanovemila membri dell’UFCW hanno votato il contratto triennale durante il fine settimana del 28 e 29 febbraio. Da ogni punto di vista l’accordo deve essere considerato un ‘ importante vittoria  dei datori di lavoro . Sebbene i supermercati hanno perso 2.5 miliardi di dollari di introiti durante lo sciopero, hanno creato un precedente per molti contratti in sospeso dappertutto nel paese  e non soltanto nel settore della grande distribuzione. Wall Street ha accolto con soddisfazione l’accordo e i prezzi delle azioni Safeway sono rimasti fermi durante lo sciopero.

Il nuovo contratto crea le condizioni per un sistema a due livelli. Gli attuali dipendenti non riceveranno aumenti salariali per i primi due anni del contratto , ma riceveranno un bonus di ratificazione. Il terzo anno essi inizieranno a fare i pagamenti mensili per il piano sanitario familiare.

I nuovi assunti avranno paghe più basse e riceveranno solo limitate coperture sanitarie. Il contratto a due livelli aprirà quindi la strada per sbattere fuori i vecchi impiegati. Infine il contratto permette ai supermercati di licenziare 630 membri dell’UFCW per cattiva condotta ai picchetti entro 36 ore dalla ratifica del contratto.

Come durante lo sciopero non ci sono state riunioni di massa, il voto di ratifica è stato apposto in modo affrettato su un lungo contratto stampato di  16 pagine di caratteri molto piccoli. L’UFCW e l’AFL-CIO hanno dichiarato vittoria per avere salvato il piano sanitario per gli attuali dipendenti per due anni, ma nessuno  dubita che per uno sciopero con un sostegno molto forte da parte dei militanti di base e del pubblico, questa è stata un’enorme sconfitta., che apre la strada a future sonore disfatte. E’ possibile che i dirigenti dell’UFCW della California del Sud pensassero che avrebbero potuto vincere basandosi sullo slancio iniziale, senza rendersi conto che i supermercati avevano un sostegno e una strategia di respiro nazionale. Il 16 febbraio Rick Icaza, presidente della sezione 770 dell’UFCW e uno dei principali “ leader ” dello sciopero , ha dichiarato al Los Angeles Times che “ Ho sentito…che noi abbiamo superato l’era in cui c’era bisogno dello sciopero…ho pensato che questi giorni sono finiti.” Sembra molto probabile che sia a livello locale che a livello nazionale l’UFCW non voglia creare imbarazzi al partito democratico nell’anno delle elezioni presidenziali.

Ma accanto al verticismo a alla superficialità della strategia sindacale, il fattore decisivo nella sconfitta è stata l’assenza di qualsiasi sfida alla  strategia sindacale da parte dei militanti di base dell’UFCW.

Il risultato fondamentale di questo sciopero è stata l’offensiva padronale contro la “socialdemocrazia privata ” , fuori moda , delle minoranze di lavoratori statunitensi con piani sanitari finanziati dai datori di lavoro e contrattati dal sindacato, piani non più sostenibili. A questa offensiva può rispondere solo un’offensiva di classe, che renda il servizio sanitario per tutti materia  di battaglia politica, non più confinato a isolati gruppi di lavoratori in perdenti battaglie locali. Non aspettiamoci una tale battaglia né dall’UFCW né dall’AFL-CIO per non parlare del partito democratico.